PROGRAMMA

Milano – martedì 27 febbraio 2018
(ore 9.00 – 13.00)


La Legge 22 giugno 2016, n. 112, volta a disciplinare e ad agevolare le misure di assistenza, cura e protezione in favore delle persone che hanno una grave disabilità, ha dato espresso riconoscimento normativo al contratto di affidamento fiduciario ma, al contempo, ha lasciato aperte molti questioni interpretative, prima fra tutte quella relativa al carattere eccezionale della fattispecie disciplinata o ad una sua tipizzazione nello ius positum, con conseguenti ricadute sull’applicazione di tale contratto nella prassi negoziale.
La disciplina degli aspetti fiscali dell’istituto in materia di imposte indirette apre l’orizzonte ad uno scenario da interpretarsi anche alla luce del nuovo orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con la nota sentenza n. 21614/2016 ed il silenzio normativo in materia di imposte dirette lascia agli operatori del settore il dibattito sulle soluzioni applicative.


Le tipologie di negozio fiduciario tra prassi e regulae iuris
– fiducia romanistica e fiducia germanistica
– fiducia cum amico e fiducia cum creditore
– fiducia statica e fiducia dinamica
– fiducia e liberalità indirette
– società di mero godimento e società fiduciarie


L’interposizione reale e l’interposizione fittizia di persona
– fiducia e mandato senza rappresentanza quali forme di interposizione reale
– tipi di simulazione: assoluta, relativa, parziale
– stato dell’arte giurisprudenziale sull’interposizione fittizia di persona
– prova del pactum fiduciae e prova della simulazione


La fiducia di civil law e la fiducia di common law a confronto
– trust ed agency: differenze e analogie
– nascita ed evoluzione della disciplina dei trusts di common law
– Convenzione dell’Aja sui trusts
– possibili utilizzi dei trusts nel diritto italiano: applicazioni pratiche e criticità


Lo strumento del contratto di affidamento fiduciario: dalla prassi alla tipizzazione normativa
– contratto di affidamento fiduciario: forma, pubblicità, trascrizione del contratto
– contratto di affidamento fiduciario come strumento per tutelare la grave disabilità
– ruolo delle società fiduciarie con la Legge “dopo di noi”
– impieghi attuali ed ulteriori del contratto di affidamento fiduciario: causa familiare e disciplina della crisi d’impresa
– tecniche redazionali di alcune clausole particolari del contratto di affidamento fiduciario


I profili fiscali del contratto di affidamento fiduciario
– affidamento fiduciario e tassazione: panorama sull’evoluzione delle Circolari e dei pareri dell’Agenzia dell’Entrate in materia
– contratto di affidamento fiduciario e imposte indirette: requisiti essenziali del contratto per le esenzioni ed agevolazioni fiscali
– posizione della giurisprudenza e nuovo orientamento giurisprudenziale alla luce della sentenza della Cassazione n. 21614/2016
– contratto di affidamento fiduciario e imposte dirette: possibili interpretazioni del silenzio normativo della Legge 22 giugno 2016, n. 112


QUESTION TIME
VALUTAZIONE DI CASI E QUESITI PROPOSTI DAI PARTECIPANTI

Al fine di consentire l’approfondimento di particolari profili giuridici ai temi oggetto del convegno, i Partecipanti interessati potranno formulare casi e quesiti specifici tramite invio preventivo a Convenia (all’indirizzo info@convenia.it). La Società sottoporrà la documentazione pervenuta al gruppo di Esperti coinvolti, i quali forniranno le loro approfondite valutazioni nell’ambito del convegno.