PROGRAMMA

Milano – mercoledì 19 giugno 2019
(ore 9.00 – 13.00 / 14.30 – 16.00)


A marzo del 2018 Banca d’Italia ha posto in consultazione una serie di modifiche al cap. II del tit. IV delle Circolare n. 285/2013, dedicato a “Politiche e prassi di remunerazione e incentivazione”. Nell’ottobre seguente ha diramato il 25° aggiornamento della Circolare n. 285, che ha sostituito il capitolo soprattutto al fine di aggiornarne i contenuti con le raccomandazioni nel frattempo emanate dall’EBA (European Banking Authority). I criteri cui obbediscono le modifiche sono quelli di rendere meno eludibili le prescrizioni, di definire meglio le tipologie di remunerazione e il rapporto tra variabile e fissa, di disciplinare più rigorosamente il differimento della remunerazione variabile, di caratterizzare la figura del personale più rilevante, di puntualizzare i “premi” in caso di cessazione dalla carica o di conclusione anticipata del rapporto di lavoro.
Alla luce di queste novità e della prima applicazione che esse hanno avuto nelle scorse assemblee, sono maturi i tempi per una verifica complessiva dell’intera regolamentazione in argomento per fare il punto sulle interpretazioni avanzate e sull’impatto operativo che siffatta disciplina ha nel suo complesso su una materia di per sé delicata e complessa, tanto più che Banca d’Italia ha, in data 19 marzo u.s., emanato disposizioni modificative in tema di trasparenza proprio per adeguare la normativa di trasparenza agli orientamenti EBA in tema di politiche e prassi di remunerazione del personale preposto all’offerta di prodotti.


La governance e la remunerazione
– art. 53 TUB, remunerazione e assunzione di rischi
– istruzioni di vigilanza e contratti collettivi di lavoro
– sana e prudente gestione e politica della remunerazione
– istruzioni come strumento per perseguire la sana e prudente gestione


L’identificazione del personale più rilevante
– disposizioni che si applicano in ragione della tipologia delle banche
– policy per la determinazione ed esclusione del personale più rilevante
– regole identificative del regolamento delegato UE n. 604/2014
– criteri qualitativi e criteri quantitativi per individuare il personale più rilevante


Il principio di proporzionalità
– parametri per verificare l’adeguatezza della disposizione
– dimensione delle banche
– proporzionalità nell’ambito dei gruppi
– gruppi delle banche di credito cooperativo


Il ruolo degli organi e delle funzioni di controllo
– relazione all’assemblea
– verifica da parte della compliance
– monitoraggio e periodicità delle verifiche
– ruolo del risk management


Le tipologie di remunerazione e incentivazione
– remunerazione fissa e variabile
– bilanciamento fra le due remunerazioni
– remunerazione tramite strumenti finanziari e obbligo di retention
– remunerazione variabile da sottoporre a differimento


Le fattispecie di remunerazione variabile
– clausole di malus e di claw back
– remunerazione e incentivazione a fronte della permanenza del personale in azienda
– piani di incentivazione a lungo termine
– golden parachute e remunerazione di patti di non concorrenza


I compensi per le varie tipologie di soggetti coinvolti
– consiglieri non esecutivi
– componenti dell’organo di controllo
– agenti in attività finanziaria, in assicurazione e consulenti finanziari
– organi di banche beneficiarie di aiuti di stato


Politiche e prassi di remunerazione e ricadute in tema di trasparenza bancaria
– nuove disposizioni di trasparenza di Banca d’Italia del 19.3.2019
– tutela dei clienti
– offerta contestuale di un contratto di finanziamento e di altro contratto facoltativo
– raccordo tra la sez. XI delle disposizioni di trasparenza e quanto previsto dalla Circolare 285/2013


QUESTION TIME
VALUTAZIONE DI CASI E QUESITI PROPOSTI DAI PARTECIPANTI

Al fine di consentire l’approfondimento di particolari profili giuridici ai temi oggetto del convegno, i Partecipanti interessati potranno formulare casi e quesiti specifici tramite invio preventivo a Convenia (all’indirizzo info@convenia.it). La Società sottoporrà la documentazione pervenuta al gruppo di Esperti coinvolti, i quali forniranno le loro approfondite valutazioni nell’ambito del convegno.