La prevenzione del rischio-reato ex D. Lgs. 231/01

NUOVE PRONUNCE GIURISPRUDENZIALI E CONSOLIDATE PRASSI OPERATIVE

Programma

PRIMA GIORNATA
Milano – martedì 21 ottobre 2014
(ore 9.00 – 13.00 / 14.30 – 18.00)
L’implementazione del Modello Organizzativo nella prospettiva della “prova liberatoria” dell’ente
– limiti del riferimento a Codice Etico, linee guida, protocolli, istruzioni operative, indicazioni semplificate e best practice
– Risk assessment: l’individuazione di un team operativo interno, la tecnica delle interviste o workshop e il criterio del “rischio accettabile”
– enucleazione di regole “generali” di condotta a valenza trasversale
– garanzia ex ante dei requisiti di autonomia, indipendenza, professionalità ed effettività dell’OdV
– importanza delle attività di formazione e informazione
Prof. Avv. Francesco Mucciarelli


I “vantaggi” del Modello Organizzativo per i “vertici” e per la “società”
– occasione per la formalizzazione di best practice e per l’effettiva promozione di una cultura della legalità d’impresa
– centralità del Modello Organizzativo nel D.Lgs. 231/2001 come criterio d’imputazione, di determinazione della sanzione, di esclusione delle sanzioni interdittive e della pubblicazione sentenza di condanna, di sospensione e revoca delle misure cautelari o di conversione delle sanzioni interdittive a seguito di condanna
– responsabilità dell’amministratore per mancata adozione e/o efficace attuazione del Modello Organizzativo (Trib. Milano, Sez. VIII civile, 13.02.2008, n. 1774)
– modelli di organizzazione e gestione come strumento di adempimento del controllo del datore di lavoro-delegante sul corretto espletamento delle funzioni da parte del delegato (ex artt. 16 e 30, D.Lgs. 81/2008)
– modelli organizzativi come condizione della stipula di convenzioni con enti territoriali, (es. Legge Regione Calabria n. 15/2008), dell’accreditamento al servizio sanitario (Deliberazioni Regione Lombardia IX/3856 del 25.07.2012 e IX/4533 del 19.12.2012) o per l’erogazione dei servizi e per la formazione professionale (Decreto Regione Lombardia n. 5808/2010)
– modelli come requisiti del rating di legalità (Regolamento AGCM)
Prof. Avv. Alberto Alessandri


La fisionomia dell’Organismo di Vigilanza tra prassi, linee guida e pronunce giurisprudenziali
– OdV come organismo (interno) dell’ente
– coincidenza con l’organo dirigente nelle imprese di piccole dimensioni ovvero con il collegio sindacale, il consiglio di sorveglianza e il comitato per il controllo della gestione tra previsioni normative ed esigenze di buon funzionamento
– esclusione di soggetti condannati per reati 231 anche non in via definitiva (ordinanza Trib. Napoli, GIP, 26 giugno 2007)
– criteri di scelta dei membri esterni: il divieto di remunerazione “variabile”
– tenuta della soluzione più diffusa: collegiale con presidente “esterno”
– responsabilità penale, extracontrattuale verso terzi e contrattuale verso l’ente dei membri dell’OdV: coperture assicurative e clausole di manleva
Avv. Iole Anna Savini


Le sanzioni e le misure cautelari per l’ente: un costo “da non sottovalutare”
– sanzioni pecuniarie per quota tra minimi e massimi edittali
– rischio di applicazione delle sanzioni interdittive e del commissariamento giudiziale
– sanzioni “reputazionali”: la pubblicazione della sentenza di condanna a spese dell’ente
– patteggiamento dell’ente e determinazione delle sanzioni
– esclusione del beneficio della sospensione condizionale della sanzione per l’ente
– “gravi indizi di colpevolezza” dell’ente quale presupposto per l’applicazione di misure interdittive e per il sequestro preventivo a carico dell’ente
– condotte riparatorie e adozione post factum del modello organizzativo tra strategie difensive e benefici cautelari
Dott. Sergio Spadaro


La confisca (anche per equivalente) del prezzo o del profitto del reato: l’anticipazione al momento del sequestro
– differenza tra confisca come “pena” ex art. 19 e confisca come misura “ripristinatoria” ex art. 6 D.Lgs. 231/2001
– differenza tra “prezzo” e “profitto” del reato e tra confisca diretta e per equivalente (anche alla luce della sentenza delle Sezioni Unite n. 30.01.2014, n. 10561 in tema di reati tributari)
– criteri di individuazione e quantificazione del “profitto” del reato come onere del giudice: il profitto come “beneficio patrimoniale aggiunto” direttamente derivante dalla commissione del reato e la distinzione tra profitto “lordo” e profitto “netto” (alla luce dei casi ILVA e Italease)
– differenza tra profitto del reato associativo e profitto dei reati scopo (alla luce del caso ILVA)
– sequestro del profitto alle persone fisiche e all’Ente: il principio di solidarietà alla luce delle ultime pronunce della Cassazione
Prof. Avv. Roberto Zannotti


SECONDA GIORNATA
Milano – mercoledì 22 ottobre 2014
(ore 9.00 – 13.00 / 14.30 – 18.00)
L’accertamento giudiziale dell’idoneità e dell’efficace attuazione dei Modelli Organizzativi
– requisiti di efficienza, specificità e dinamicità del Modello
– indicazioni di contenuto degli artt. 6 e 7, D.Lgs. 231/2001
– giudizio di idoneità ex ante: il valore delle perizie
– giudizio di idoneità del Modello post factum: la rilevanza dell’anamnesi
– valore dei Codici di comportamento di cui all’art. 6, comma 3, D.Lgs. 231/2001 e al DM 26.06.2003, n. 201 e delle linee guida di categoria nonché delle indicazioni semplificate della Commissione Consultiva Permanente per la salute e sicurezza presso il Ministero del 27.11.2013 (DM 13.02.2014 Min. Lav.)
Avv. Maurizio Arena



Il sistema disciplinare ex D.Lgs. 231/2001

– centralità del sistema disciplinare quale elemento del Modello Organizzativo (artt. 6 e 7, D.Lgs. 231/2001; art. 30, comma 4, D.Lgs. 81/2008; Circolare Min. Lav. 11.07.2011)
– tipicità di illeciti e sanzioni (ordinanza Gip Trib. Napoli, 26.07.2007)
– indicazioni desumibili dagli artt. 6 e 7, D.Lgs. 231/2001
– possibili limiti del richiamo alle sanzioni previste dallo Statuto dei Lavoratori o dal CCNL applicabile
– principi del sistema disciplinare: forma scritta, pubblicità, autonomia, proporzione, contestazione, contraddittorio, tempestività ed immediatezza, compatibilità con norme imperative
– sanzioni tipiche e atipiche (ammonizione orale, rimprovero scritto, multa, sospensione dal servizio o dalla retribuzione, licenziamento con o senza preavviso, revoca di incarichi o di poteri, diminuzione di compenso, congelamento di bonus, incentivi o stock options, etc.)
– funzioni di iniziativa, competenze all’accertamento dell’illecito e procedimento di applicazione delle sanzioni disciplinari
Avv. Daniele Piva


L’entità del profitto ex artt. 13 e 19, D.Lgs. n. 231/01
– profitto come “beneficio patrimoniale aggiunto” e “direttamente” derivante dalla commissione del reato-presupposto
– profitto “lordo” o profitto “netto” (Cass., Sez. Un., 2.07.2008, n. 26654)
– profitto nei “reati-contratto” e nei reati “in contratto”: truffe in sovvenzioni con riferimento ad appalti pubblici, project financing et similia
– esclusione di utilità future, prospettiche o virtuali
– profitto del reato associativo vs. profitto del reato fine alla luce del caso ILVA
– obbligo e criteri di quantificazione del profitto in sede cautelare
– sequestro del profitto e principio di solidarietà tra concorrenti
Prof. Avv. Nicola Pisani


Il procedimento contro l’ente
– annotazione dell’illecito amministrativo tra “obbligo” e “onere” della Procura
– richiamo alle norme del codice di procedura penale “in quanto compatibili” e applicazione all’ente delle disposizioni processuali relative all’indagato (prima) e all’imputato (poi)
– competenza del giudice penale e tendenziale riunione dei procedimenti
– notificazioni e contumacia dell’ente
– rappresentanza dell’ente, costituzione in giudizio, incompatibilità difensive e testimoniali
– informazione di garanzia, “contestazione” dell’illecito all’ente e archiviazione
– regime della prescrizione dell’illecito amministrativo da reato
Dott. Luigi Varanelli


Le questioni “in campo” tra presente e futuro della responsabilità dell’ente
– responsabilità ex D.Lgs. n. 231/2001 nei gruppi di società dopo la sentenza della Corte di Cassazione; Sez. V, 20.01.2011, n. 24583
– impatto nei Modelli Organizzativi della possibile introduzione nel D.Lgs. 231/2001 dell’autoriciclaggio e dei reati tributari
– delega di funzioni tra responsabilità individuali e responsabilità dell’ente
– esimente dell’elusione fraudolenta del Modello alla luce del caso Impregilo (Cass., Sez. V, 18.12.2013, n. 4677)
– D.Lgs. 231 e reati colposi (infortuni sul lavoro e reati ambientali) alla luce del caso Thyssen
– cumulo o meno del profitto della persona fisica e dell’ente ai fini del sequestro preventivo
– responsabilità dell’ente per il nuovo reato di corruzione tra privati
Prof. Avv. Enrico Mezzetti



QUESTION TIME

VALUTAZIONE DI CASI E QUESITI PROPOSTI DAI PARTECIPANTI
Al fine di consentire l’approfondimento di particolari profili giuridici ai temi oggetto del convegno, i Partecipanti interessati potranno formulare casi e quesiti specifici tramite invio preventivo a Convenia (all’indirizzo info@convenia.it). La Società sottoporrà la documentazione pervenuta al gruppo di Esperti coinvolti, i quali forniranno le loro approfondite valutazioni nell’ambito del convegno.

Relatori
Prof. Avv. Alberto ALESSANDRI

Ordinario di Diritto Penale
Università Bocconi, Milano

Avv. Maurizio ARENA

Studio Legale Societario Arena

Prof. Avv. Enrico MEZZETTI

Ordinario di
Diritto Penale
Università “Roma Tre”

Prof. Avv. Francesco MUCCIARELLI

Associato di
Diritto Penale
Università Bocconi, Milano

Prof. Avv. Nicola PISANI

Associato di
Diritto Penale
Università di Teramo

Avv. Daniele PIVA

Assegnista di Ricerca in
Diritto Penale
Università La Sapienza, Roma

Avv. Iole Anna SAVINI

Componente
Organismi di Vigilanza
Studio Legale Savini

Dott. Sergio SPADARO

Sostituto Procuratore della Repubblica
Tribunale di Milano

Dott. Luigi VARANELLI

Giudice
Sezione Penale
Tribunale di Milano

Prof. Avv. Roberto ZANNOTTI

Associato di
Diritto Penale
Libera Università Maria SS. Assunta, Roma

Responsabile di progetto
Avv. Massimo Jorio

Modulo acquisto atti

Per iscriverti all’evento compila il form sottostante.
Riceverai al più presto nella tua email conferma dell’iscrizione da parte del nostro team.

    Dati relativi all'evento



    Dati Personali








    Dati per la fatturazione














    I campi contrassegnati da (*) sono obbligatori
    L'accettazione della Privacy Policy è necessaria per il perfezionamento dell'acquisto

    I Suoi dati saranno trattati da Convenia S.r.l. – Titolare del trattamento – al fine di adempiere alla Sua richiesta di partecipazione a convegni e incontri formativi da essa organizzati. A tale scopo, è necessario il conferimento di tutti i dati richiesti nel modulo. Ai sensi dell’art. 130, comma 4 Codice Privacy, i Suoi dati potranno inoltre essere utilizzati per inviarLe via posta elettronica materiale informativo relativo alle iniziative future di Convenia, salvo che Lei si opponga al trattamento compilando la casella sottostante. Potrà comunque opporsi anche in futuro in ogni momento, anche tramite il link che sarà inserito in ogni comunicazione che le invieremo. La invitiamo a consultare l’informativa completa (www.convenia.it) per ottenere tutte le informazioni a tutela dei Suoi diritti, comprese le modalità di esercizio degli stessi.
    Se non desidera ricevere informazioni via e-mail relative ai servizi ed alle iniziative future di Convenia chiamare lo 011.889004 oppure scrivere una mail a info@convenia.it

    Modalità di pagamento

    Il pagamento va effettuato tramite bonifico bancario intestato a:

    Convenia srl
    Via San Massimo 12 | 10123 Torino
    c/o BANCO BPM Spa – FILIALE DI TORINO 16
    IBAN: IT 65 S 05034 01017 000000000135

    Il link per scaricare i contenuti acquistati sarà inviato alla mail indicata nel modulo di acquisto una volta ricevuto il pagamento; è possibile inviare all’indirizzo info@convenia.it la distinta del pagamento effettuato per ricevere il materiale prima dell’accredito effettivo della quota versata.

    Modalità di recesso:

    In ottemperanza alle vigenti normative in tema di commercio online, il Cliente ha 14 giorni – a partire dalla ricezione dei contenuti acquistati – per esercitare il proprio diritto di recesso.
    Per fare ciò, è sufficiente inviare una raccomandata A/R o una mail all’indirizzo info@convenia.it, indicando i propri dati personali e le modalità per l’accredito del rimborso.
    Tale diritto non può in alcun modo essere esercitato se è già avvenuto, anche solo parzialmente, il download dei contenuti acquistati.

    Se hai dei dubbi relativi alle modalità di iscrizione, pagamento e partecipazione ai nostri percorsi formativi, consulta le FAQ.

    VAI ALLE FAQ 

    Evento avvenuto il

    21 e 22 Ottobre 2014

    Scarica la brochure (PDF)

    ACQUISTA ORA

    per info sul costo e quote agevolate:

    011 88 90 04
    info@convenia.it

    CREDITI FORMATIVI

    L’evento è in fase di accreditamento (CFP) presso i Consigli degli Ordini Professionali competenti.

    QUOTA DI PARTECIPAZIONE

    L’acquisto comporta l’invio, da parte di Convenia, del link per il download di registrazioni, atti e pubblicazioni del convegno acquistato.
    Tale invio avverrà unicamente a seguito della ricezione, da parte di Convenia, dell’intero pagamento del convegno acquistato.
    Per ulteriori informazioni, invitiamo a consultare la sezione dedicata alle risposte sulle modalità di partecipazione e svolgimento degli eventi Convenia.

    Hai dei dubbi? Leggi COME PARTECIPARE

    Dicono di noi

    Recensioni e testimonianze dai nostri clienti:
    la prossima potrebbe essere LA TUA!

    AVV. MATTEO ROSSOMANDO
    Equity Partner Studio Legale Weigmann

    Convenia aggiorna sempre il modo di fare formazione e costituisce ormai un punto di riferimento del mercato

    PAUL RENDA
    CEO Miller Group

    La qualità della formazione è alla base dei percorsi professionali moderni. In Convenia lo hanno capito da tempo riuscendo ad intercettare le esigenze del mercato.

    AVV. ELENA ROSSIGNOLI
    Responsabile Servizio Affari Societari e Legali Pitagora S.p.a.

    Io e le Colleghe della mia direzione seguiamo con interesse e piacere gli eventi di Convenia, su temi giuridici di attualità e rilievo, con relatori di alto livello ed un’efficiente organizzazione.

    DOTT. EMANUELE MARTINO
    Financial Analyst and Corporate Finance Advisor Teda Advisors

    Partecipo da anni ai corsi di Convenia e ne apprezzo da sempre l’approccio innovativo e il puntuale aggiornamento formativo.

    AVV. PAOLO MELLI
    Avvocato del Foro di Reggio Emilia

    Convenia rappresenta il referente privilegiato per la mia esigenza di continuo aggiornamento professionale e un’occasione di proficuo confronto con colleghi preparati, in un reciproco scambio di know-how.

    Resta aggiornato
    sui percorsi formativi Convenia

    Iscriviti alla newsletter:
    per te subito un gradito omaggio di benvenuto.

    Effettua ora l’iscrizione e riceverai nella tua email pillole formative gratuite, insieme al calendario in anteprima dei corsi in programma.
    Inoltre, avrai subito in omaggio l’accesso a un video dal nostro archivio storico.

    Cosa aspetti?
    ISCRIVITI ORA

    Copyright 2024 Convenia srl | P. Iva 10336480016 | Privacy Policy | Cookie Policy

    chevron-down